Home in Evidenza Viaggio nell’Italia dell’incisione

Viaggio nell’Italia dell’incisione

1265

Torino, Biblioteca Nazionale Universitaria
21 aprile – 21 maggio 2011
Conferenza stampa di presentazione: martedì 5 aprile ore 17.30,
OGR (officine grandi motori), via Castelfidardo 22, Spazio incontri
Inaugurazione: giovedì 21 aprile ore 17.00
Torino – Cosa si intende per grafica contemporanea oggi in Italia? Qual è lo stato delle ricerche in corso su
un linguaggio e un mestiere dalle origini antichissime? Quali sono le tecniche che i maestri delle
ultime generazioni hanno prediletto, sviluppato, sperimentato in vista di un’espressione nuova e
aggiornata alle tendenze attuali? E, soprattutto, quali sono gli interpreti maggiori che, dalla
seconda metà del Novecento a oggi, eredi della lezione di Dürer o Rembrandt, hanno contribuito a
fare dell’incisione originale un ambito di riflessione estetica autonomo e dal fascino unico?
Promossa dall’associazione culturale torinese STArs con i contributi di Fondazione CRT e
Regione Piemonte, nell’ambito delle manifestazioni per «Italia 150», in occasione del Salone del
Libro di Torino e con il patrocinio di MIBAC – Roma, la mostra che inaugurerà il prossimo 21
aprile negli spazi della Biblioteca Nazionale Universitaria, intende rispondere a tutte queste
domande, conducendo il pubblico in un vero e proprio viaggio alla scoperta di una espressione
artistica di grande suggestione qual è la grafica originale, fatta di complessi procedimenti tecnici e
di un linguaggio dove il segno, la traccia e le ombre profonde sono elementi principe di un alfabeto
inconfondibile.
Curata da Giuliana Valenza e corredata da un volume delle edizioni Giorgio Mondadori, con testi
critici di Chiara Gatti e Floriano De Santi, la mostra presenta una selezione di sessanta autori,
fra maestri storici tuttora attivi e rappresentati delle ultime generazioni, tutti impegnati a
confrontarsi con lastre, acidi, punte, smalti, torchi e inchiostri, strumenti tipici di tecniche differenti
che, dalla puntasecca all’acquaforte, dalla silografia alla litografia, dall’acquatinta alla maniera nera,
rappresentano volti diversi di un’unica arte, ricca di soluzioni, effetti ed esiti tanto affascinanti da
aver rapito l’interesse, nel tempo, di molti mostri sacri della pittura. Come Picasso o Matisse, che
per lunghi periodi della loro vita appesero al chiodo il pennello per dedicarsi ai misteri
dell’incisione, siglando immagini entrate nella leggenda, a partire dal celebre Repas Frugal del
genio spagnolo (l’acquaforte moderna più quotata al mondo) o dalle litografie della serie Jazz del
padre nobile dei fauves parigini.
In un percorso di ricerca e analisi della grafica del Novecento e dei suoi ultimi traguardi, la mostra e
il volume presentano dunque una ricognizione sui linguaggi, le tecniche, i temi che oggi gli artisti
del segno hanno ereditato dal passato, facendosi interpreti di un’arte consacrata nei secoli da maestri
dell’incisione come Dürer e Mantegna, Parmigianino e Rembrandt, Piranesi, Goya, Bartolini o
Morandi fino alle serigrafie pop di Andy Warhol e colleghi. Antefatti su cui gli autori
contemporanei hanno costruito le basi della propria ricerca, piegandola in direzione di sempre
nuove e talora audaci sperimentazioni sul mezzo.
Focalizzando l’attenzione sulle figure attive in Italia, esponenti di movimenti, correnti e scuole
diverse – come la storica Scuola del libro di Urbino – la mostra e il volume accostano, ad artisti più
giovani ma solidi, opere firmate da interpreti riconosciuti nel panorama della grafica internazionale,
da Giuseppe Zigaina a Nunzio Gulino, da Walter Piacesi a Tullio Pericoli, da Enrico Della Torre a
Giancarlo Vitali, da Ennio Calabria a Pietro Diana, da Alberto Sughi a Giuliano Vangi, da Walter
Valentini a Giacomo Soffiantino.
Fluttuando fra gli esemplari presentati da ciascun autore, ecco allora ricostruito un percorso che
illustra per tappe l’evoluzione dei modi espressivi della grafica attuale in Italia, da quelli più
tradizionali dei nomi già consacrati, alle innovazioni di ultima generazione che – pur nel rispetto
dell’originalità dei processi, in cui tocca sempre all’artista mettere mano direttamente alle lastre
senza alcuna interferenza meccanica – emergono metodi e strumenti inediti (trapani, colle e
diavolerie sperimentali) garanti di risultati fortemente espressivi e di straordinaria qualità tecnica.
Artisti invitati: Ciro Agostini, Ermes Bajoni, Marina Bindella, Sandro Bracchitta, Ennio
Calabria, Rita Callegari, Gaetano Carboni, Francesco Casorati, Rodolfo Ceccotti, Mario
Chianese, Paolo Ciampini, Giampaolo Dal Pra, Enrico Della Torre, Pietro Diana, Franco Dugo,
Franco Fanelli, Giuseppe Fantinato, Diana Ferrara, Domenico Fratianni, Carla Galli, Vincenzo
Gatti, Calisto Gritti, Mario Guadagnino, Rossano Guerra, Nunzio Gulino, Sebastiano Italia,
Svietlan Kraczina, Aristea Kritsotaki, Cesco Magnolato, Enzo Maiolino, Bruno Missieri, Vairo
Mongatti, Alberico Morena, Ivo Mosele, Claudio Olivotto, Toni Pecoraro, Gigi Pedroli, Tullio
Pericoli, M. Rosaria Perrella, Paolo Petrò, Walter Piacesi, Lanfranco Quadrio, Bruno Rinaldi,
Alberto Rocco, Francesco Sciaccaluga, Aldo Segatto, Andrea Serafini, Elena Sevi, Giacomo
Soffiantino, Alberto Sughi Luigi Toccacieli, Elio Torrieri, Togo, Fulvio Tomasi, Girolamo
Tregambe, Giovanni Turria, Walter Valentini, Giuliano Vangi, Gianni Verna, Giancarlo Vitali,
Agostino Zaliani, Roberta Zamboni, Giuseppe Zigaina.
Catalogo edizioni Giorgio Mondadori
Prezzo: € 25,00 (prezzo in mostra Euro 20)
Grafica Oggi
Viaggio nell’Italia dell’incisione
21 aprile-21 maggio 2011
Biblioteca Nazionale Universitaria
Piazza Carlo Alberto 3, Torino
Orari: lunedì – venerdì ore 10/18; sabato ore 10/14
chiuso: tutte le domeniche e il 25 aprile.