Home Notizie Ludmilla Radchenko conquista anche Napoli

Ludmilla Radchenko conquista anche Napoli

546

Galleristi, critici d’arte, pubblico, tanti al Vernissage della sua Personale alla Nai Arte Contemporanea, dal 26 Novembre al 20 Dicembre 2010
di Paolo M. Rocco

“Per me l’arte è il mio modo per narrare il mondo nelle forme in cui io lo percepisco”. Ecco, queste parole tratte dall’intervista che Ludmilla Radchenko ha concesso alla brava giornalista Oriana De Iulio, in occasione del vernissage della sua Mostra alla NAI Arte Contemporanea di Napoli (inaugurata il 26 Novembre e in corso fino al 20 Dicembre 2010), costituiscono una sintesi tanto efficace quanto significativa dell’essere nell’Arte della pittrice siberiana. Ci consegnano ancora queste parole il senso, alto, che per Radchenko acquista l’Arte nella sua vita, quello di un progetto guidato da una tensione ideale. Così, sono sembianze della vita i suoi lavori composti in chiave Pop: una realtà trasfigurata, evocata con potenza visionaria e critica che ci fa venire in mente, in un azzardo di corrispondenze, alcune parole di Henri Focillon: “… a disagio nei limiti dello spazio e del tempo i Visionari non si contentano del nostro universo e mentre lo studio delle forme che vi si trovano soddisfa la maggior parte degli artisti, per costoro invece lo studio formale non è che una cornice provvisoria o, se vogliamo, un punto di partenza”. Da questa presa d’atto inizia, quindi, la visione dei lavori della Radchenko esposti alla Nai di Napoli e subito oggetto -come mostrano alcune immagini tratte dal servizio fotografico dell’Evento- di grande interesse da parte dei numerosi visitatori, critici d’arte, esperti, appassionati, intervenuti al Vernissage e con i quali la stessa Ludmilla Radchenko si è a lungo intrattenuta per rispondere alle loro circostanziate domande e per descrivere loro il proprio percorso pittorico.

“Ludmilla Radchenko-Power Pop”, Nai Arte Contemporanea
Via Chiatamone 23, Napoli
dal 26 Novembre al 20 Dicembre 2010