Home Mostre Sergio Zanni – Alla ricerca del perturbante

Sergio Zanni – Alla ricerca del perturbante

76
Sergio Zanni  L'albero  2016 terra creta tempera carboncino colorato su tavola cm.55x75
Sergio Zanni
L’albero
2016 terra creta tempera carboncino colorato su tavola cm.55×75

Reggio Emilia – Si respira un senso di profondo mistero nelle opere dell’artista ferrarese Sergio Zanni, in mostra dal 30 novembre 2018 al 29 marzo 2019 presso la sede di BFMR & Partners a Reggio Emilia (Piazza Vallisneri, 4).
Il titolo dell’esposizione – “Alla ricerca del perturbante” – evoca un termine utilizzato da Sigmund Freud per indicare ciò che, familiare ed estraneo allo stesso tempo, provoca uno spaesamento, una situazione di latente incapacità di comprendere secondo i canoni tradizionalmente adottati. “Perturbanti” sono i protagonisti dell’opera pittorica e scultorea di Sergio Zanni: viandanti e viaggiatori senza meta, frutto di un immaginario poetico e surreale.
Il percorso della mostra si compone di una trentina di opere, tecniche miste su carta e su tavola, di medie e grandi dimensioni, realizzate negli anni Duemila, oltre a due sculture in terracotta, raffiguranti i protagonisti del suo fervido immaginario.
«Nello studio di Sergio Zanni, che s’affaccia su un cortile nella Ferrara antica – scrive il curatore Sandro Parmiggiani – si è presto circondati, quasi assediati, da una selva di figure: i personaggi creati dalla sua fantasia e realizzati prima in terracotta e poi nei materiali che consentono di ampliarne le dimensioni. Sono così nati nel tempo i personaggi che Zanni ha presentato in mostre, in Italia e all’estero, a partire dal 1973, e che lui stesso ha puntigliosamente elencato: eremiti; signori della pioggia; monumenti ai caduti; diavoli; custodi delle pianure; zingare; osservatori; camminatori; palombari; attendisti; figure senza davanti; piloti; cacciatori di nuvole; oblomov (il “mite-fantasma” del romanzo di Gončarov); fumatori; pittori di guerra; angeli misteriosi; sirene; equilibristi, Ulisse e altri viandanti; naufraghi e figure controvento che, nonostante abbiano ormai l’acqua alla gola, s’ergono su barche che stanno inabissandosi…».
Opere che, come confessa lo stesso artista, nascono «dalla consapevolezza di vivere gli ultimi fuochi di un tempo, quello dell’umanesimo, giunto ormai alla fine, con il tempo della tecnologia e della scienza che eclissa un modo di essere che apparterrà sempre più al passato», nonostante “I cercatori dell’immutabile”, da lui raffigurati, perseverino nel tentativo di congelare il tempo.

In occasione del vernissage su invito, previsto per venerdì 30 novembre a partire dalle ore 19.00, sarà visitabile l’anteprima della mostra, aperta al pubblico da lunedì a venerdì con orario 10.00-12.00 e 16.00-18.00, chiuso sabato, domenica e festivi. Per informazioni: tel. 0522 455000, [email protected], www.bfmr.it.

Sergio Zanni, pittore e scultore, nasce a Ferrara nel 1942. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Bologna studiando pittura e approfondendo la ricerca sul modellato. All’attività artistica affianca fino al 1995 l’insegnamento all’Istituto d’Arte “Dosso Dossi” di Ferrara. A partire dal 1973 ha preso parte ad esposizioni personali e collettive in Italia e all’estero. Tra le mostre degli ultimi anni si segnalano: “54. Biennale di Venezia” (Padiglione Italia, Venezia, 2011), “Progetto Scultura 2011” (Castel Sismondo, Rimini, 2011), “In Illo Tempore / Daniela Carletti” (Castello della Rocca, Cento, Bologna, 2011), “Das Szenische in der Bildenden Kunst” – Rolf Escher, Sergio Zanni, Viktor Müllerstaedt (Georgia Berlin Galerie, Berlino, 2012), “Omaggio a Michelangelo Antonioni dagli amici della Galleria del Carbone” (Galleria del Carbone, Ferrara, 2012), “Biennale Internazionale di Scultura” (Castello di Racconigi, 2013), “I cercatori dell’immutabile” (Spazio Rosso Tiziano, Piacenza, 2013), “Künstler aus Ferrara, Italien” (Kreis Galerie, Norimberga, 2014), “Custodi di un tempo” (Museo MAGI’900, Pieve di Cento, Bologna, 2014), “Pellegrini, viaggiatori, viandanti” (Museo e Oratorio di Santa Maria della Vita, Bologna, 2016). Vive e lavora a Ferrara.

BFMR & Partners è uno studio di Dottori Commercialisti e Revisori Legali fondato nel 2007 da Gian Matteo Bonomo, Silvio Facco, Luigi Attilio Mazzocchi e Leonardo Riccio. Accanto all’attività professionale, sostiene da anni l’arte e la cultura attraverso la promozione di esposizioni dedicate ad artisti e fotografi (Daniele Vezzani, Carlo Mastronardi, Nani Tedeschi, Angelo Davoli, Nadia Rosati, Wal, Toni Contiero, Riccardo Varini, Richard B. Datre, Giuliano Della Casa, Marco Paoli, Carlo Ferrari, Luca Gilli, Corrado Tagliati, Stanislao Farri, Carlo Vannini, Domenico Grenci, Ermanno Foroni, Alessandra Binini, Giuseppe Maria Codazzi, Fausto De Nisco, Andrea Samaritani) e la sponsorizzazione di rilevanti iniziative culturali (Attività di Palazzo Magnani 2009 e 2010, “Fotografia Europea” 2010-2018).

sito: http://www.bfmr.it