Home in Evidenza Bestiario Trascendentale – Silvio Merlino e Tobia Ravà

Bestiario Trascendentale – Silvio Merlino e Tobia Ravà

843

Treviso – Allo Spazio Lazzari, nel cuore della città vecchia, nelle trecentesche Canoniche del Duomo di Treviso, troviamo una importante doppia mostra dal titolo “Bestiario Trascendentale”: dipinti di Silvio Merlino con i suoi misteriosi animali ricostruiti con incredibile perizia tecnica, tesi a svelarci passaggi iniziatici verso epifanie dell’immagine. E sculture di Tobia Ravà, con animali personalizzati con il linguaggio della ghematria, un approccio simbolico attraverso le infinite possibilità combinatorie dei numeri.
La brochure ricca delle immagini delle opere degli artisti fotografate in loco si avvale degli scritti del curatore e di quelli di Achille Bonito Oliva e di Arturo Schwarz.
Riportiamo di seguito alcuni stralci.
Francesco Stefanini scrive per Silvio Merlino:
“… Le sue tele appese ti guardano insistenti con gli occhi di ossidiana dati in prestito a una pantera nera, lenti ottiche convesse ingrandendosi lampeggiano di fosforo nello sguardo di una tigre. Giri le spalle e una cascata di occhi allineati (duecentododici) ti vengono incontro luminosi, come la prima luce del mattino che penetra dalle tapparelle socchiuse. In una stanza in penombra, un pigmento di puro cobalto si staglia luminoso e fosforescente e come un fulmine, zigzagando, squarcia un buio tenebroso. ”
E scrive per Tobia Ravà:
“… Quello che mi pare interessante negli ultimi lavori di Tobia è questo citazionismo, intelligente e arguto, ironico e consapevole, che tende a superare le gerarchie estetiche un po’ stantie e finora consolidate. La sua scelta di campo è evidente, dietro l’apparente piacevolezza dell’immagine c’è sempre un messaggio alto da cogliere, sottile e misterioso, sicuramente spirituale e talvolta persino subliminale. I suoi divertenti animali tatuati di “segni” a una lettura epidermica appaiono come giocattoli ingranditi. ”

Achille Bonito Oliva scrive di Silvio Merlino:
…”La vita è come un enorme kleenex a cui Merlino risponde con la macchia dell’arte. Su tessuti acrylico ostinatamente dipinge arrovellati percorsi impressi di macchie che per i popoli precolombiani erano i segni di una scrittura come prove di comunicazione sociale. Contro il kleenex collettivo ecco le macchie individuali di Merlino che con spirito resistenziale ne moltiplica la differenza, spostando il linguaggio artificiale del visivo verso l’evocazione di una naturalezza a memoria dell’idea di foresta .”
Arturo Schwarz scrive di Tobia Ravà:
…”Si è detto che la bellezza coincide con la verità e che la verità ha una carica eversiva perché illuminante. Lo constatiamo, come non mai, nelle opere del nostro artista. Ed è stupefacente come, con le sue sapienti incursioni nell’antica arte cabalistica della ghematria – la tecnica che permette di trovare le corrispondenze segrete tra alcuni termini, rilevandole dal valore numerico delle lettere che le compongano – Ravà sia riuscito a comporre delle opere che parlano così bene ai nostri occhi e alle nostre menti.

“Bestiario Trascendentale”
Dipinti di Silvio Merlino
Sculture di Tobia Ravà
Esposizione a cura di Francesco Stefanini e testi di Achille Bonito Oliva e Arturo Schwarz, si terrà presso lo Spazio Lazzari di Treviso, in via Paris Bordone 14, dal 21 settembre al 30 novembre 2012.
Inaugurazione: Venerdì 21 Settembre 2012, ore 18:00.
Orario di apertura: Domenica-Lunedì 14.30-19.30; Martedì-Venerdì 11:00-13:00 14:30-19:30;
Sabato 10:00-19.30.