Home Mostre Renzo Ferrari WORLD-DIARY opere 2012-2015

Renzo Ferrari WORLD-DIARY opere 2012-2015

571

renzo-ferrari-stilleben-piazza-italia-2013-olio-e-collage-in-plastica-su-tela-100x140-cmViganello-Lugano, Canton Ticino, Svizzera – Dopo le grandi antologiche Visioni nomadi/Visions Nomades allestite prima al Musée d’Art et Histoire di Neuchàtel a cura di Antonia Nessi e poi al Museo Cantonale di Lugano a cura di Cristina Sonderegger, Renzo Ferrari presenta, dal 14 novembre, l’opera su tela e su carta degli ultimi tre anni: 50 lavori di varie dimensioni che trovano sintesi nella impressionante progressione dei grandi quadri: Stilleben Piazza Italia (2013); Night, gli sposi e l’uomo ragno (2013); Simbiosi in sommer (2014); Canicola, portraet Kelemu, melancoly (2015); Finis, Rot hommage a Hogarth (20015).

Definitivamente approdato ad una pittura dei “mille linguaggi” – memorie materiche, figurativismo di origine espressionista, digitale, street-art, fumetto – Ferrari conduce una incessante gara e sfida con il flusso quotidiano indistinto e senza senso di immagini delle cronache drammatiche e tragiche del nostro tempo. Le adotta e trasforma, radicalmente muta, le ‘riscatta’ dal nastro normato delle parole e della iconologia dei media. Questo approccio alla realtà produce la straordinaria efficacia e attualità della sua pittura. L’incessante riscatto – una sfida, si direbbe – dal nonsense della comunicazione globale, è disposto in uno spazio continuo ed è attraversato da un tempo continuo. In primo piano le figure, i volti, di protagonisti del presente – irregolari, sans papier, migranti, marginali, popoli in movimento –, nel remoto i resti di una perdita, struggenti nostalgie, le distruzioni di un esistito originario. Sulla ‘porta’ della valle del Ticino, nello studio di Cadro, egli assume e mette sulla tela le novità culturali profonde che i flussi umani dai sud ai nord del mondo conducono e inducono. È un linguaggio il suo del tutto innovativo, un fremito e una emozione che senza iato percorre la tela e fa di questo artista il protagonista di una rappresentazione senza margini, senza repliche, del nostro tempo e della storia dell’arte contemporanea. Dagli anni inquieti della sua ‘educazione ambrosiana’ (accademia di Brera, abitazione e studio a Milano), da quando la sua è una pittura della perdita di una fisionomia e identità contadina e vallerana, Ferrari affronta le mutazioni profonde attorno e dentro la sua generazione. Nello sviluppo degli ultimi due decenni, irrompe sulle sue tele una messa in scena ostile e ironica, grottesca e drammatica della realtà che viviamo e ‘World diary’ è ciclo di lavoro che si confronta con un’attualità mediatica di conflitti e belligeranze. Il diario nel suo febbrile prodursi di cronache si intervalla e alterna con cadenze di pagine potenti ed emozionate di ‘diario domestico’. Opere queste dedicate a una quotidianità intimista e familiare, “antidoto” – dice il pittore – e antemurale al dramma del presente.

Catalogo (Skira, 2015) con testi di Flaminio Gualdoni e Piero Del Giudice

La mostra è aperta dal 14 novembre al 15 dicembre 2015, da martedì a sabato, dalle ore 14.00 alle ore 18.30; domenica e festivi, dalle ore 14.30 alle ore 17.00. Inaugurazione sabato 14 novembre 2015, ore 17.00

GALLERIA D’ARTE LA COLOMBA
Via al Lido 9
6962 Lugano-Viganello
Telefono +41 091 / 972 21 81
Telefax +41 091 / 972 21 81
www.lacolomba.ch