Home Eventi Popsophia, filosofia del contemporaneo

Popsophia, filosofia del contemporaneo

442

Popsophia  “Allegria di naufragi”Pesaro – Dal 9 al 12 luglio, torna la quinta edizione del festival internazionale della Filosofia del Contemporaneo. Rassegne, dibattiti, spettacoli, installazioni, mostre, performance e concerti dal vivo portano a Pesaro il dibattito culturale sui temi della pop filosofia. Ai grandi nomi della filosofia e della cultura internazionali si affiancano giovani e appassionati studiosi della popular culture.
ROCCA COSTANZA Il festival si svolge nella fortezza costruita da Costanzo Sforza fra il 1474 e il 1483, su progetto di Luciano Laurana. La magnifica Rocca situata nel centro di Pesaro, con le sue raffinate simmetrie e sezioni auree, è una vera e propria sfida filosofica, luogo ideale per la battaglia culturale rappresentata dalla Popsophia.

POPSOPHIA è l’unica associazione italiana dedicata alla pop filosofia, un genere culturale internazionale che coniuga la riflessione filosofica con i fenomeni pop della cultura di massa. Popsophia è un laboratorio permanente dove il pensiero critico si contamina con le forme popolari della musica, del cinema, del teatro, dello sport, della televisione, della fiction, dei social media.

Scarica il programma completo

Il programma della quinta edizione di Popsophia, filosofia del contemporaneo – con il sostegno di Regione Marche, Comune di Pesaro e del nuovo main partner nazionale Enel – promette di animare l’estate con 4 giornate dedicate all’ossimoro di ungarettiana memoria: “Allegria di Naufragi”. Ben 13 rassegne, 6 mostre, 47 ospiti e 50 appuntamenti coinvolgeranno il pubblico dal pomeriggio a notte inoltrata con conferenze, spettacoli, mostre, proiezioni e performance nella suggestiva cornice di Rocca Costanza, trasformata in isola felice per i naufraghi reduci dalla tempesta del vivere contemporaneo.

Tra le novità di questa edizione, la collaborazione con il Conservatorio Rossini di Pesaro che tradurrà il tema del viaggio e della tempesta in meravigliosi brani pianistici da Schubert a Beethoven. La rassegna, che si avvale dei patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero Istruzione, Università e Ricerca, dell’Ufficio scolastico provinciale, della Provincia di Pesaro e Urbino, con numerose collaborazioni e la sponsorizzazione di  Sider Rottami, vede la direzione artistica di Lucrezia Ercoli, che così spiega la scelta del titolo per l’edizione di quest’anno: “Si tratta di un ossimoro che accosta il trauma storico ed esistenziale del naufragio con l’euforica allegria che trova risorse inaspettate solo all’interno della catastrofe. Il naufragio è una metafora arcaica riutilizzata da moltissimi fenomeni della popular culture. E il viandante si conferma simbolo perfetto del viaggio inquieto della Popsophia, trascinata in mare aperto dalla ricerca di nuove idee per il pensiero contemporaneo”.

“Per il terzo anno – aggiunge il sindaco di Pesaro Matteo Ricci – la città si conferma la capitale della Popsophia, l’unico evento capace di raccontare la filosofia della contemporaneità utilizzando strumenti giovani e creativi. Un’eccellenza che contribuisce a rendere Pesaro città nazionale, capace di entrare nella battaglia di idee che si svolge oltre i confini regionali”.