Arte e gastronomia, celebrities e grandi esponenti della cultura mondiale per la  prima edizione del gala i cui proventi sosterranno il  Robert F. Kennedy Human Rights Europe.

Il 16 luglio a Monte Carlo, nella suggestiva location del Riva Tunnel Difendere lo straordinario valore dell’etica e dei principi umani, unendolo al bello di quanto l’uomo nelle arti ha saputo produrre. Ecco I Defend Gala 2015, una nuova serata a sostegno delle attività del Robert F. Kennedy Human Rights Europe che promuove progetti di educazione ai diritti umani. Dopo I Have a Dream presentato a Milano a Palazzo Reale, il 16 luglio sarà la volta di I defend ospitato da Lia Riva nel Monaco Boat Service, location ricca di una storia che dagli anni 50 ad oggi unisce il celebre cantiere navale italiano al Principato di Monaco. A presiedere la serata Kerry Kennedy figlia di Robert Kennedy, attivista, scrittrice e presidente della Robert F. Kennedy Human Rights. A supportare con la sua presenza I Defend Gala sarà eccezionalmente Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco. Un gala ideato all’insegna dell’eccellenza di arte gusto moda design (grazie al supporto di partner tecnici quali Maserati, Hotel Fairmont Montecarlo, Alitalia, Londa International, Artcurial e di Radio Montecarlo, media partner) che vede numerose personalità coinvolte: da Alan Friedman, giornalista di fama internazionale e conduttore della serata, a Frank La Rue, direttore della sede europea del Robert F. Kennedy Human Rights, avvocato tra i più esperti nei diritti umani e dal 2008 Special Rapporteur dell’ONU in materia di diritto alla libertà di espressione e di opinione, alla cantante Ilaria della Bidia, all’attrice Giorgia Surina e all’attore hollywoodiano Martin Sheen. Dopo un intervento di Kerry Kennedy, prenderà il via l’asta con opere selezionate dalle curatrici Melissa Proietti e Raffaella A. Caruso e battute da François Tajan, Co-Presidente della casa d’aste Artcurial. Dieci i lotti: un’opera di Michelangelo Pistoletto, una di Marco Nereo Rotelli e sei scatti del noto fotografo Harry Benson, presente con un cospicuo corpus di opere e ospite della serata, un bracciale Vhernier e il primo modello della nuovissima Fiat 500 lanciata il 4 luglio, certificata da John Elkann e personalizzata con interni in pelle dall’artista  Stefano Conticelli. A seguire una cena ideata dalla geniale creatività di Gualtiero Marchesi per 200 ospiti internazionali che nel corso della serata potranno aggiudicarsi mediante dispositivi digitali in asta silenziosa le opere in esposizione di Roberto Baronti, Matteo Basilé, Harry Benson, Blue and Joy, Jacopo Cascella, Bruno Ceccobelli, Antonio Ciarallo, Angelo Cricchi, Walter Di Giusto, Francesca Romana Di Nunzio, Stefano Esposito, Ottavio Fabbri, Fabio Ferrone Viola, Massimo Listri, Florencia Martinez, Giuliano Menegon, Patrizia Molinari, Claudio Palmieri, Matteo Peretti, Marcello Reboani, Alessandro Sansoni, Giorgio Tentolini.   Dai contributi in catalogo Kerry Kennedy, presidente di Robert F. Kennedy Human Rights: “Sono grata a Sua Altezza Serenissima il  Principe Alberto di Monaco per aver dato il proprio sostengo a questo evento, così come a Lia Riva per la sua generosità nell’accogliere la stessa serata nel bellissimo Tunnel Riva. Questo gala avrà una grande importanza per sostenere la causa della libertà d’espressione dei diritti umani, in Europa come nel resto del mondo”. Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco: “Ho portato volentieri il mio supporto all’iniziativa della Fondazione Robert F. Kennedy Human Rights nel Principato di Monaco. La serata permetterà di trovare fondi destinati a condurre numerose attività internazionali, in particolare per la libertà d’espressione dei diritti dei migranti. Invito tutti a manifestare il proprio incoraggiamento alla Fondazione e a sostenerla nella messa in opera dei suoi meritevoli progetti, ringraziando tutte le persone che si sono adoperate per la messa in opera di questo evento”. Federico Moro, organizzatore di I Defend Gala: “L’obiettivo di I Defend Gala è di portare all’attenzione pubblica le storie di persone, organizzazioni e aziende che operano per ottenere qualcosa di concreto in favore di sconosciuti, delle proprie comunità o dell’ambiente, con un impatto misurabile. I Defend Gala premierà ogni anno coloro che a livello internazionale hanno dimostrato di agire per il bene pubblico e i cui risultati abbiamo dato vita ad un Impatto Sociale Misurabile.” Melissa Proietti e Raffaella A. Caruso, curatori d’arte: “I Defend nella forza che oppone la parola alla violenza, il colore al sangue, la materia alla distruzione aspira a diventare una sorta di libero movimento cui aderiscano nel tempo via via sempre più artisti. Tutti con la consapevolezza che il mondo sta nuovamente cambiando, spinto ancora una volta verso la deriva da odio, fanatismi, prevaricazioni, tutti con l’ambizione di poter costruire con la lingua dell’arte un alfabeto nuovo, nella piena libertà espressiva che è la prerogativa dell’inventiva e dell’ingegno. Gli artisti sono gli interlocutori privilegiati della salvaguardia dei diritti e della libertà perché immediatamente senza barriere e senza preconcetti riescono a toccare l’humanitas.”   [email protected] [email protected]