Home Artisti Il Tempo e lo Spazio

Il Tempo e lo Spazio

1431

Sabato 21 aprile 2012 si inaugura alle ore 18.00 presso il Palazzo Orsini, in via Borghese, 10 a Bomarzo (Viterbo), la mostra Il Tempo e lo Spazio.  L’esposizione si compone di una mostra collettiva cui partecipano gli artisti:

     
Ariela Böhm, Hans Burger, Cristina Chiappinelli, Alina Ditot, Luisa Casoli, Mitia Dedoni, Roberto Fruggeri, Claudia Gaiotto, Marilena La Mantia, Rossella Liccione, Fiorella Manzini, Alessandro Meschini, Antonella Pintimalli, Pamela Rota, Scegle, Cristina Simeoni, 

       
di tre sale adibite a mostre personali degli artisti:
Maria Carla Mancinelli, Giovanni Mangiacapra, Erika Muraro,

   
di un’istallazione di Angela Scappaticci 

     
e di alcune sale adibite all’esposizione del Movimento Surrazionale degli artisti:
Marisa Bottazzi Agnesini, Lisa Beneventi, Guido Ferrari, Fiorenzo Mascagna, Anna Paglia e Nino Poli.
L’intera esposizione è centrata  sull’interpretazione artistica del tempo storico e dello spazio geografico ma anche dei due elementi visti dal punto di vista  del ritmo e della  materia nella creazione dell’opera d’arte.

    

Soqquadro

Presenta
Il Tempo e lo Spazio

DURATA: dal 21 Aprile al  10 Maggio 2012 
INAUGURAZIONE: sabato 21 aprile ore 18.00
ORARI: dal mercoledì al sabato 10.00/13.00 – 16.00/19.00
Aperture straordinarie 1 maggio e domenica ore 11.00/13.00
LUOGO: Palazzo Orsini, via Borghese 10, Bomarzo (Viterbo)
CURATRICI: Marina Zatta, Yasmin Mohamed Samir
COLLABORAZIONI: Punto Spettacolo, Federica Camilloni, Silvia Cicio,  Martina Fedele
DIREZIONE ARTISTICA: Paolo Berti
INFO: cell. 333.7330045  [email protected]  
 www.soqquadro.eu, www.associazionesoqquadro.worldpress.com 

   

La mostra è centrata sulla visione storica e geografica dell’universo che ci circonda. Il tempo e lo spazio, il dove e il quando, prenderanno vita nelle opere degli artisti che mostreranno la propria visione del contesto storico e geografico del presente , del passato e del futuro. Spesso gli uomini si sentono lontani dal tempo in cui vivono, sentono di appartenere ad un passato al quale guardano con malinconia, come ad un tempo migliore, più genuino, più libero. Al tempo in cui viviamo, guardiamo sovente con freddezza e rabbia, con la voglia di raggiungere un futuro migliore o di tornare ad un passato più rassicurante.
  
Al contempo il tempo, inteso come ritmo coloristico e materico, e lo spazio visto come elemento strutturale della tridimensionalità scultorea nella sua accezione classica, ma in una visione più moderna anche del’opera pittorica, sono due elementi portanti della creazione dell’opera d’arte.
L’esposizione, presenta una mostra collettiva, tre mostre personali, una sala adibita a installazione e alcune sale con esposizioni del Movimento Surrazionale
  
L’esposizione si terrà nella stupenda cornice del Palazzo Orsini di Bomarzo, una delle splendide cittadine medievali che fanno dell’Italia il paese artisticamente più bello del mondo. Bomarzo è dominata dal palazzo signorile degli Orsini, che si erge sulla rocca da cui si vede tutta la città e la vallata circostante.