Home Artisti I LOVE ITALY – ROMA presenta l’artista Red Aspis, tra i protagonisti...

I LOVE ITALY – ROMA presenta l’artista Red Aspis, tra i protagonisti presso Spazio40, nel cuore di Trastevere, della collettiva che promuove i talenti italiani!

394

Nell’ambito della collettiva I LOVE ITALY che sarà inaugurata presso la galleria Spazio40 sabato 28 aprile, siamo lieti di conoscere Red Aspis che in tale esposizione presenterà un’opera su tela.

Red, è un piacere averti in questa collettiva. Consenti ai nostri lettori di conoscerti meglio…Quando si è acceso per la prima volta nella tua vita il “fuoco sacro dell’arte”? 

È un piacere anche per me. Da che ho memoria ho sempre disegnato e creato; adoravo disegnare e modellare e passai poi alle tempere alle scuole primarie. Ho avuto un periodo di stasi molto lungo per dei problemi personali, dai quali l’arte stessa mi ha salvato.  

Come vivi il momento in cui ti accingi a creare una nuova opera? Riesci a descrivere le tue emozioni e sensazioni?

Per me è un vortice, un impeto, non posso farne a meno. L’arte è passione pura, è sessualità, è scoperta di sé nel modo più profondo e travolgente possibile. In un altrove in cui non esiste altro se non il legame indissolubile tra me e la tela, tra me e ciò che creo. Il creare qualcosa dal nulla è sacro.

l’artista Red Aspis

Le tue opere si sviluppano sempre da un’idea precisa o segui molto spesso l’istinto? Raccontaci com’è nata l’opera che esporrai a questo importante evento.. 

Principalmente è puro istinto, solitamente Io dipingo in astratto, arte informale, espressionismo astratto. Il quadro che presento invece è un ritratto di una persona mia amica. Il processo con cui elaboro un ritratto è molto lungo nello studio e molto veloce nella realizzazione. Studio per giorni i lineamenti, ma soprattutto le espressioni e ciò che mi comunica quella persona, per poi ritrarla nella mia versione, ossia in quello che io vedo in quella determinata persona. La ricreo attraverso i miei occhi. Ciò che ne scaturisce non è un ritratto che debba essere necessariamente fedele alle fattezze della persona ma quanto alle emozioni e sensazioni che la persona mi suscita.

Red Aspis – “Ethan”

L’esposizione I love Italy vuol celebrare il nostro Paese e la creatività degli italiani, lanciando un messaggio positivo in un’epoca fortemente complessa, affinché questo paese possa ripartire proprio dall’arte, che continua a sopravvivere nonostante le avversità. Proprio per queste ragioni abbiamo voluto concepirlo come un progetto mostra itinerante, cercando così di sensibilizzare un numero sempre maggiore di individui. Qual è il tuo pensiero e cosa pensi di poter fare nel tuo piccolo, attraverso la tua arte? 

Io vivo per dipingere. Il momento in cui respiro per me è il momento in cui dipingo, è qualcosa di catartico. Dipingo per me, dipingo perché è una necessità primaria. Il fatto che molte persone, anche qui in Italia che dovrebbe essere la culla dell’arte, siano desensibilizzate alla stessa è una conseguenza di un abbassamento culturale ormai in atto da vari anni. Spero in qualche modo di poter contribuire a sensibilizzare maggiormente le persone su quanto l’arte sia vita, su quanto non sia un qualcosa di accessorio, ma di basilare nella nostra esistenza. Senza arte il mondo non avrebbe senso, perché la vita stessa non avrebbe senso.

Sogni nel cassetto? Quali saranno i prossimi obiettivi ?

In una visione nietzschiana io continuo a crescere, in una visione socratica non penso che si finisca mai di imparare e di esplorare la propria persona e la propria esistenza. Io lo faccio attraverso la mia arte, che non è scissa dalla mia vita. A livello pratico le mie esposizioni all’estero mi inorgogliscono ed i miei studi al MoMA sono stati qualcosa che ha veramente dato una svolta a ciò che è la mia passione. Da febbraio faccio parte dell’ IAA – AIAPI UNESCO e questo è stato un grandissimo traguardo. Continuo a crescere, a studiare, a sperimentare, a conoscermi, a sperare in qualcosa di sempre maggiore, per me e per l’arte stessa. 

Grazie per il tempo che ci hai concesso.. Invitiamo i nostri lettori a scoprire l’interessante artista presso la Galleria Spazio40 a Roma sabato 28 Aprile e nei giorni a seguire… Vi aspettiamo!