Home Mostre Mostre in Italia I LOVE ITALY – Firenze presenta Valentina Brancaforte…

I LOVE ITALY – Firenze presenta Valentina Brancaforte…

133

Nell’ambito della collettiva I LOVE ITALY che sarà inaugurata sabato 29 settembre presso l’Auditorium Al Duomo di Firenze, siamo lieti di presentare la fotografa siciliana Valentina Brancaforte che in tale mostra presenterà due opere fotografiche.

Valentina, bentornata in questo importante progetto dedicato agli artisti italiani… E’ sempre un grande privilegio poter presentare la tua arte… Raccontaci un po’ di te… quando e come hai scoperto la tua passione per la fotografia?

Ho scoperto tardi la fotografia. Ho da sempre amato la pittura, la danza, il teatro ed altre forme d’arte. Ma la prima volta in cui ho impugnato consapevolmente una macchina fotografica risale al 2012. Ero in partenza per Berlino, ho chiesto consiglio ad un caro amico per la scelta di una semplice compatta. E’ iniziato tutto così. Ho capito che c’era molto di più dietro un’immagine: la voglia consapevole o no di esprimersi, di dar vita alle proprie emozioni e di fare emozionare gli altri. La fotografia è diventata un mezzo che mi accompagna ormai da anni e dà voce al mio ‘IO’. E’ compagna fedele, a volte anche strumento per rileggermi e rielaborare attimi di vita. E’ una costante. Come il viaggio.

Nelle tue opere fotografiche protagonista principale é spesso la natura, che indaghi e scruti da vicino grazie anche ai tuoi viaggi in giro per il mondo.
In questa collettiva esporrai due opere fotografiche ove unisci sapientemente il genere del nudo al paesaggio, facendo si che i due soggetti non appaiano come elementi disgiunti ma come parti di un’unica immagine.
Raccontaci come sono nati questi scatti e cosa ti piacerebbe trasmettere a chi si troverà ad osservarli?

Nelle immagini di viaggio cerco di raccontare i colori, le atmosfere ed i profumi dei luoghi che vivo, ma anche le persone in cui mi sono imbattuta, le relazioni che si sono create seppur di breve durata. C’è tanto di me, del mio modo di vedere il mondo, del mio innamorarmi della bellezza che incontro.
Ma queste immagini, a cui sono molto legata, sono ancora più introspettive. Raccontano me, attraverso il corpo di un’altra donna. Sono nate in un periodo complicato, in cui dover trovare la forza per importanti cambiamenti. La vita oggi è frenetica, le relazioni umane sempre meno umane. Sono foto frutto della disabitudine ad abitare il mondo tra non luoghi e non relazioni. Raccontano sentimenti di smarrimento e di abbandono, ma anche di rinascita.

‘Ogni albero è un rifugio’ vuole rappresentare la ricerca dell’essenza attraverso la fusione con la natura, un rifugio nel ventre della terra, nei suoi boschi. Seme e crescita.

L’esposizione I love Italy vuol celebrare il nostro Paese e la creatività in generale, lanciando un messaggio positivo in un’epoca fortemente complessa, affinché questo paese possa ripartire proprio dall’arte, che continua a sopravvivere nonostante le avversità. Proprio per queste ragioni abbiamo voluto concepirlo come un progetto mostra itinerante, cercando così di sensibilizzare un numero sempre maggiore di individui. Qual è il tuo pensiero e cosa pensi di poter fare nel tuo piccolo, attraverso la tua arte?

Piantare un semino. Mostrare ciò che mi è stato insegnato nel cammino: rispetto, ricerca della bellezza, curiosità, empatia. Il mio motivo per scattare una foto è condividere quello che ho vissuto e osservato ed il modo in cui l’ho ‘sentito’. Con queste due immagini in particolare vorrei invitare alla leggerezza, nonostante i momenti gravi. E’ possibile amare i propri disastri (è una frase che ho amato visitando il ‘FARM CULTURAL PARK’ di Favara), trovare una strada per trasformarli o dissolverli: in arte, speranza, malinconia. Ma non in violenza ed intolleranza.

Prossimi progetti?

Tanti. A breve dovrebbe prendere vita ‘Il cantico di Librino’, un progetto voluto da Antonio Presti a cui ho collaborato con altri bravissimi fotografi.
Altre collaborazioni appena avviate con fotografi e scrittori sparsi in giro per il mondo. Ed una in particolare legata alla mia terra.

Grazie per il tempo che ci hai concesso..invitiamo i lettori a seguire questa talentuosa fotografa presso l’Auditorium al duomo di Firenze!