Home Mostre La Memoria e l’Oggetto – collettiva di artisti Italiani e Iraniani

La Memoria e l’Oggetto – collettiva di artisti Italiani e Iraniani

114
Fabrizio Cotognini Babilonia
Fabrizio Cotognini
Babilonia

Capri (NA) – Artisti contemporanei italiani e iraniani per la prima volta insieme.
Quattordici artisti italiani ed iraniani espongono le loro opere, nello straordinario convento a picco sui Faraglioni di Capri, in occasione della quarta edizione di Visioni Contemporanee alla Certosa. È con grande soddisfazione che gli organizzatori della rassegna, ideata e realizzata dall’Istituto Garuzzo per le Arti Visive (IGAV) insieme con il Polo museale della Campania, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con la Città di Capri, ospitano i rappresentanti dell’Iran, un Paese oggi in proficua positiva evoluzione. Per la prima volta l’Iran presenta alcuni dei suoi più affermati giovani artisti in una mostra collettiva, a confronto con altrettanto importanti artisti italiani, gli uni e gli altri selezionati secondo qualificate valutazioni curatoriali da entrambi i Paesi.

Visioni Contemporanee è un progetto espositivo che ha l’obiettivo di creare un dialogo tra artisti contemporanei a livello internazionale e prevede annualmente la realizzazione di una mostra collettiva con la partecipazione di artisti italiani e artisti provenienti da un Paese ospite. L’esposizione viene inizialmente presentata in Italia, negli splendidi spazi della Certosa di San Giacomo di Capri e, di seguito, viene trasferita in una sede altrettanto prestigiosa del Paese scelto per lo scambio, che per l’edizione del 2017 è l’Iran.
Intitolata “La Memoria e l’Oggetto”, la mostra vuole aprire un dibattito, uno scambio, tra due culture, quella iraniana e quella italiana, entrambe caratterizzate da una forte tradizione, da una “memoria” storica, culturale e spirituale e, allo stesso tempo, pronte al confronto con il presente ed il futuro. I curatori, Alessandro Demma e Vahid Malek, descrivono così il concetto e le tematiche intorno alle quali si sviluppa la mostra: “La memoria e l’oggetto sono i due elementi protagonisti di questo progetto, due traiettorie fondamentali nell’esistenza dell’essere umano, due “opposte linee”, che viaggiano su binari paralleli della nostra vita. Questi i temi che creano un’interazione tra gli artisti italiani e iraniani, attraverso l’utilizzo di differenti linguaggi – dal disegno alla pittura, dalla scultura all’installazione, dalla fotografia alla video arte. Da un lato la “memoria”, la storia, il passato come fonte di conoscenza e di coscienza, come strumento per confrontarsi con il presente e per guardare al futuro; dall’altro “l’oggetto”, inteso come realtà ed elemento fisico che caratterizza e circonda la nostra esistenza. Le 42 opere esposte offrono lo spunto per una riflessione sulla nuova maniera di rappresentare l’esistenza attuale e sull’interpretazione del rapporto tra la “mente” e il “corpo” delle cose e degli esseri umani”.

Patrizia Di Maggio, Direttrice della Certosa di San Giacomo, dopo un’attenta analisi critica delle opere presenti in mostra commenta: “Gli italiani evidenziano che il libro, ossia la memoria, diventa oggetto e allegoria della storia, che gli oggetti sono schegge di un sogno o metafore del disagio, che Memoria e Oggetto rappresentano il racconto del passato e la testimonianza del presente… Degli iraniani invece, colpisce il legame ancora tenace con alcune espressioni artistiche tradizionali: l’arte della tessitura, ad esempio, visibile nel segno decorativo ripetuto sulla compatta stesura cromatica di alcuni dipinti; la miniatura e la scrittura, che emergono nelle immagini di alcune opere e rimandano immediatamente alle novelle persiane delle Mille e una notte, ancora avvincenti e preziose per la storia antica e recente dell’Iran”.

Artisti italiani in mostra: AfterAll, Filippo Centenari, Fabrizio Cotognini, Pamela Diamante, Pierpaolo Lista, Giovanni Termini, Ciro Vitale.
Artisti iraniani in mostra: Firoozeh Akhlaghi, Mohamad Hadi Fadavi, Shahram Karimi, Alireza Karimpour, Alireza Saadatmand, Sahar Salehi, Amir Bakhtiar Sanjabi.
LA MEMORIA E L’OGGETTO
Capri, Certosa di San Giacomo
Via Certosa 1, 80073 – Capri (NA)
10 settembre – 31 ottobre 2017
A cura di Alessandro Demma e Vahid Malek
Inaugurazione sabato 9 settembre, ore 19.00

Orari: da martedì a domenica 10-17, lunedì chiuso.
Ingresso: 4,00 euro (mostra e Certosa)
Sabato 14 ottobre, in occasione della Giornata del Contemporaneo, saranno organizzate visite e incontri.
 http://www.igav-art.org