Home Mostre Guy Harloff (1933-1991). visioni, simboli, alchimie

Guy Harloff (1933-1991). visioni, simboli, alchimie

239

guy harloff (1933-1991). visioni, simboli, alchimie Milano – La riscoperta dell’opera di Guy Harloff, coordinata recentemente attraverso iniziative espositive e tramite la pubblicazione della monografia Guy Harloff (1993-1991). L’olandese volante, a cura di Nicoletta Colombo e Serena Redaelli, edita nel 2016, segna una nuova tappa in occasione dell’esposizione odierna.
La mostra raccoglie venticinque opere eseguite tra i finali anni cinquanta e il 1990, consentendo di percorrere l’intero arco dell’attività dell’artista attraverso una selezione di lavori emblematici della sua ricerca.
Uno studio in cui il cammino artistico di Harloff va di pari passo con l’approfondimento della personale ricerca spirituale e simbolica.
Partita dal mondo fisico, dalla sperimentazione di derivazione popolare, la poetica harloffiana giunge a decifrare lo spirituale attraverso il lavoro assiduo e lo studio, per cui dipingere non è che uno dei percorsi verso la “Grande Opera”, concetto manifestato dall’artista nell’espressione ricorrente “Work is the Great Power”.
Le opere, che assemblano ossessivamente i ritagli fotografici del suo occhio destro con fitte simbologie di mandala, di forme figurali fantasiose e alchemiche, non paiono estranee neppure alla conoscenza dei codici miniati medievali, configurandosi come esiti dell’attività preziosa di un cesellatore cresciuto in sintonia con le culture orientali.
La componente simbolica maturata a contatto con i surrealismi di seconda generazione e con gli espressionismi nordeuropei, frutto del cosmopolitismo di Harloff, evolve nei decenni verso una crescente organizzazione spaziale, configurando simmetrie eleganti e condensate intorno a segnali, numerazioni, pentacoli, scritture vergate secondo processi logici misteriosi e affascinanti.
L’arcano alchemico e filosofico che si snoda tra le sinuosità damascate dei labirinti segnici è introdotto dai titoli stessi delle opere, di cui citiamo alcuni esempi: Idée de Cyprès 1968, Le voyage avec C 1968, Connaisance 1971, Le livre de l’engrenage 1971, Présence primordiale 1974, The Chinese Coin. Inventaire 1983, Inside, aime, lumière 1990.

In occasione della mostra saranno esposte due fotografie inedite di Guy Harloff realizzate a Chioggia nel 1974 dal fotografo Roberto Masotti (www.lelliemasotti.com).

Facebook: https://www.facebook.com/guyharloffartist/
sito: https://guyharloffartist.com/novita/