Home Artisti Touch- Arte tra realtà ed illusione: a Milano Dania Minotti e l’arte...

Touch- Arte tra realtà ed illusione: a Milano Dania Minotti e l’arte come strumento per catturare le emozioni..

113

Nell’ambito della collettiva Touch – Arte tra realtà ed illusione che si terrà presso la 809 Art Gallery di Milano dal 22 al 30 settembre siamo lieti di conoscere la pittrice Dania Minotti che in tale mostra esporrà due opere su carta.

Dania Minotti – Autunno

Dania, un caloroso benvenuto. Parlaci di te e di come ha avuto inizio la tua passione per l’arte?

Grazie per l’opportunità. Essendo una persona di poche parole trovo il disegno un mezzo di comunicazione immediato. Mi basta una matita ed un pezzo di carta per farmi stare bene. Ho sempre disegnato da che ho ricordo, alcuni disegni di quando ero piccola li conservo ancora e mi fanno sorridere riguardandoli. Ho approfondito questa mia passione al Liceo Artistico, perfezionandomi presso l’Accademia di Belle Arti – Sezione Scenografia e lavorando in seguito in alcuni teatri come assistente alle scenografie ed ai costumi. Ho tralasciato poi questa passione per seguire la famiglia, essendo una mamma ed una donna che lavora, riprendendo successivamente.

Abile ritrattista, ti dedichi in realtà anche al paesaggio e alle nature morte.. Quale tra questi è però il genere attraverso il quale riesci a trasmettere di più quelle che sono le tue sensazione e dunque il tuo mondo interiore?

Quello che mi piace disegnare è tutto ciò che mi trasmette emozione, catturando l’attimo con la macchina fotografica o con il cellulare, sia esso il silenzio di uno scorcio o la bellezza di un fiore, ma ciò che mi attira è lo sguardo delle persone o di un animale: mi piace immaginare a cosa stanno pensando. Il ritratto è il genere che preferisco e che mi appassiona di più. Quando eseguo un ritratto su commissione chiedo sempre più di una foto e cerco di capire il modo di essere del soggetto da rappresentare, andando al di là della riproduzione. Poi segue la scelta della tecnica da usare più adatta per trasmettere questa emozione.

Come vedi il mondo dell’arte? Pensi si stia facendo abbastanza per artisti che come te cercano di emergere e farsi conoscere?

È un mondo difficile e complicato. Fortunatamente grazie alla tecnologia si ha più modi di farsi conoscere al di fuori nel luogo in cui l’artista vive. Con internet ed ora con Facebook o altri social simili si possono conoscere virtualmente e non, altri artisti che non necessariamente usano la tua stessa forma d’arte ma che hanno voglia di esprimersi così da poter scambiare impressioni e tecniche nuove. Al di là di tutte le cose che si possono trovare, la rete per me è “una finestra sull’arte” e penso che i bambini ed i ragazzi dovrebbero essere più sensibilizzati ad avvicinarsi maggiormente ad espressioni artistiche. 

Dania Minotti – Soffio di vento

Hai già esposto in diverse mostre in tutta Italia, ma ogni volta è inevitabilmente una grande emozione.. In base a quali criteri scegli di aderire ad un determinato evento?

Non ho un criterio preciso. Vado a sensazione, ad intuito. Ogni esposizione a cui ho partecipato mi ha lasciato il ricordo di una bella esperienza. Cerco sempre di vedere personalmente le mostre a cui partecipo per confrontarmi con i curatori e con gli artisti che partecipano e con alcuni di loro è nata una bella amicizia. Per me l’arte è anche questa interagire, scambiare idee, confrontarsi, condividere passioni e soprattutto divertirsi.

Ti va di raccontare ai nostri lettori qualcosa in più sulle opere che esporrai in questa collettiva?

Come ho espresso prima l’obiettivo è catturare il momento. A volte mi avvalgo di foto scattate da altri fotografi e “Soffio di vento” è un soggetto di Vito Finocchiaro. Mi hanno colpito i suoi occhi, la sua fragilità ma nello stesso tempo la sua forza. Ho visto altre foto riguardante il contesto in cui vive la bambina e grazie alla maestria del fotografo ho voluto rappresentare la sua determinazione. In contrapposizione  espongo “Autunno” (foto dal Web). Mi piaceva l’idea di rappresentare l’arte del “bodyart” ridisegnata a sua volta: l’arte nell’arte. In questo soggetto ho trovato la determinazione di una donna che può rinnovarsi, riscattarsi, come nell’autunno le foglie vecchie faranno spazio a foglie nuove, le donne con le loro fragilità ma con la loro determinazione sanno rinnovarsi ogni volta che ce ne è bisogno ….ma forse sono di parte? 

Altre manifestazioni artistiche in programma? Dove potremo ancora godere della tua arte?

Imminenti non ne ho. Anche se sto pensando di fare una personale. Valuto il tutto momento per momento, compatibilmente con il lavoro ed il tempo che ho a disposizione. Ma i lettori potranno seguirmi sui social dove sono iscritta o sul mio sito internet www.daniaminottiart.com. e buona arte!

Grazie per il tempo che ci hai concesso.. Invitiamo i nostri lettori a scoprire questa interessante artista presso la 809 Art Gallery dal 22 al 30 settembre.. Vi Aspettiamo!!