Home Gallerie I LOVE ITALY: a Milano presso la galleria Spazioporpora la pittrice Cristina...

I LOVE ITALY: a Milano presso la galleria Spazioporpora la pittrice Cristina Paladino

143

Nell’ambito della collettiva I LOVE ITALY che si terrà presso la Galleria Spazioporpora di Milano dal 7 al 13 novembre 2017, siamo lieti di conoscere Cristina Paladino che in tale esposizione presenterà due opere.

Cristina benvenuta in questo spazio volto a promuovere gli artisti emergenti…Parlaci un po’ di te.. come ti sei avvicinata all’arte e quando hai scoperto l’artista che già era in te?

Grazie Francesca Callipari, sono molto felice di essere qui con voi e parlare un po’ di me in ambito artistico. Mi chiedi come mi sono avvicinata all’arte? Beh ero proprio piccola, avevo ancora il ciuccio in bocca quando mio padre, che mi teneva sulle sue ginocchia, mi disegnava tutti quegli oggettini miei ( appunto il ciuccio, il biberon, la pallina ecc..) e mi chiedeva: cos’è questo? forse tutto è nato proprio dal gioco…andando poi a scuola ovviamente ho avuto il mio approccio con l’arte, sia dal punto di vista teorico che dal quello pratico. Per quel che concerne la parte teorica sono sempre stata affascinata dall’arte in tutte le sue forme e quando avevo l’ occasione di potermi mettere alla prova devo dire che ho sempre ricevuto complimenti da tutti! Una professoressa che mi ritrovai alle scuole medie mi fece amare ancor di più l’arte e le sue varie tecniche.. all’epoca colei che mi invogliava a fare studi artistici era proprio la mia professoressa di scuole medie…purtroppo ho successivamente intrapreso altri studi, accantonando l’arte. Ma l’arte mi è comunque rimasta dentro e quindi da due anni a questa parte ho voluto rimettermi in gioco.

Ancora sei agli inizi e generalmente si lavora molto su commissione..se dovessi scegliere un genere, vi è uno che preferisci più di tutti? E le tecniche? C’è qualcosa in cui non ti sei mai cimentata e che vorresti sperimentare?

In realtà, su commissione ho fatto soltanto un soggetto, era il cane di mio zio!😄tutto il resto l’ho fatto diciamo di mia ispirazione e qualcosa ovviamente mi è servita anche come studio. Finora ho soprattutto seguito la tecnica dell’ acrilico e dell’ olio. Dell’ acrilico me ne sono proprio innamorata perché probabilmente lo vedo più vicino a me, nel senso che io amo realizzare la mia opera e vederla realizzata quanto prima possibile ed è prioprio con l’ acrilico che ha appunto il potere di asciugarsi subito! Finora le mie opere sono state per lo più in acrilico e soltanto due solo ad olio…fino a qualche tempo fa diciamo che non amavo moltissimo i quadri in acquerello…adesso vedendo varie opere di altri artisti contemporanei mi ha affascinato questa tecnica e quindi più in là vorrei imparare a fare qualcosa con questa tecnica, anche se so che è una delle tecniche più difficili…credo che ancora debba studiare parecchio allora a proposito di lavori su commissione..da quell’unica esperienza finora avuta però ho capito che l’artista debba essere lasciato libero di esprimersi, perché per l’artista creare un opera penso sia la sua massima libertà di espressione.

Cosa rappresenta per te la pittura? Riusciresti a descrivere ciò che provi durante l’esecuzione delle tue opere?

Come ho detto prima,  per me la pittura è il mio momento di massima libertà di espressione…in quegli istanti io mi sfogo sulla tela bianca a colpi di matita e poi riversando i colori che amo particolarmente vivaci. Le mie opere sono me stessa espressa attraverso tratti e colori e ciò che mi gratifica è sentir dire che i miei quadri trasmettono qualcosa.. l’ anno scorso ho venduto un quadro ad una coppia, lei appena vide il mio quadro mi disse: lo vendi? Risposi: se capita perché no! Lo prese in un attimo e poi mi disse: finora non avevo mai comprato un quadro in vita mia perché non me ne erano mai piaciuti…non potete immaginare la gioia che mi diede quella donna! Credo che sia stato il più bel complimento ricevuto…

Cristina Paladino – Pace (opera in mostra alla collettiva I love Italy)

L’esposizione I Love Italy vuol celebrare il nostro Paese è la creatività degli italiani, lanciando un messaggio positivo in un epoca fortemente complessa, affinché questo paese possa ripartire proprio dall’arte,  che continua a sopravvivere nonostante le avversità.. Quale  è il tuo pensiero a riguardo e cosa pensi di poter fare nel tuo piccolo, attraverso la tua arte?

Stiamo vivendo veramente in un brutto momento ma io credo nell’uomo, nei suoi sentimenti buoni e positivi, credo che in ognuno di noi ci sia un grande potenziale e che nonostante tutto ce la faremo a ritornare lo splendido paese di cui tutto il mondo ci ha sempre vantato. Nel mio piccolo con la mia arte spero di trasmettere pensieri positivi, i sani valori che la mia famiglia mi ha trasmesso, l’amore per quel fratello meno fortunato, l’amore per gli animali, per l’ambiente, l’ amore del costruire e non del distruggere, l’amore per l’arte e per la bellezza.

Prossimi obiettivi per il tuo futuro artistico?

Come hai detto tu prima sono ancora all’inizio e da due anni a questa parte ho potuto partecipare  a tre mostre collettive di cui una anche internazionale, ho fatto anche un esperienza di estemporanea.. ho anche venduto quadri e ricevuto molti complimenti…che dire? Tutto questo non me lo sarei mai sognato…immaginare che in alcune case esistano dei miei quadri: una grande soddisfazione..non faccio progetti di alcun tipo…ovviamente non nego che tutto mi riempie di gioia così oggi potere esporre nella galleria Spazioporpora di Milano! Che dire? E tutto un sogno meraviglioso! Grazie per questa intervista e spero che i quadri che ho inviato suscitino e trasmettano qualcosa a chi li osserva! 

Grazie per il tempo che ci hai concesso.. Invitiamo i nostri lettori a scoprire questa bravissima pittrice presso la Galleria Spazioporpora dal 7 novembre 2017.. Vi Aspettiamo!!