Home Approfondimenti Intervista ad Alessandro Lonzardi in occasione della collettiva “Immagine e Materia”: a...

Intervista ad Alessandro Lonzardi in occasione della collettiva “Immagine e Materia”: a Milano dal 19 maggio 2017

248

Nell’ambito della collettiva “Immagine e materia”, che si terrà dal 19 al 27 maggio 2017 presso la 809 Art Gallery di Milano, proviamo a conoscere meglio l’artista Alessandro Lonzardi che in tale occasione esporrà l’opera “Blue entity”..

A. Lonzardi – Blue entity

 

Alessandro, raccontaci qualcosa in più su di te… Quando hai scoperto questa tua passione e com’è iniziato il tuo percorso artistico?

Sono figlio di galleristi e antiquari. Tra la fine degli anni 60 e l’inizio degli anni 80 i miei genitori erano titolari di una galleria d’arte nel paese dove vivo. La prima volta che entrai nella galleria d’arte di mio padre avevo circa sei anni; era in preparazione una mostra collettiva e ricordo che tra i tanti quadri poggiati a terra, pronti per essere posizionati in parete, c’era una tela rossa con un taglio al centro. Mi avvicinai ad essa ed istintivamente cercai di guardare all’interno di quel taglio per vedere cosa mai ci potesse essere dall’altra parte. Non vidi nulla, ma forse il mio interesse per la pittura e l’arte concettuale iniziò in quel momento. Dagli anni 80 inizia la mia sperimentazione vera e propria. Consisteva nella realizzazione di alcune piccole opere (anche con soggetti figurativi), realizzate su supporti pittorici interamente auto costruiti. I supporti non erano altro che porzioni di sacchi di juta, frammenti di stoffa di cotone, ma anche tavole di legno, materiali plastici, lamiere, praticamente qualsiasi cosa. Dopo alcuni anni di pausa la sperimentazione riprende e diventa fondamentale l’uso della tecnologia e del computer; da qui hanno origine le attuali elaborazioni digitalizzate. L’arte secondo me deve essere totalmente svincolata dal mezzo che si utilizza; per me è più importante fare arrivare chiaramente il concetto che si vuole esprimere, catturando l’attenzione dell’osservatore prescindendo dal mezzo espressivo, che diventa di secondaria importanza.

In questa esposizione presso la 809Art Gallery di Milano presenterai “Blue entity”, un’opera caratterizzata dal contrasto luci-ombre e avvolta da un aura di mistero.. Com’è nata e cosa vorresti trasmettere attraverso di essa?

Questa opera è scaturita dall’osservazione di alcuni scatti fotografici digitali che avevo realizzato all’interno di un grande acquario; rivedendo le tante immagini sul computer, ho notato che questa aveva qualcosa di particolare, di insolito. L’ho osservata meglio e tra i riflessi dell’acqua, ho notato qualcosa che assomigliava ad un lineamento di un piccolo animale. La cosa mi ha sorpreso molto e ho iniziato l’elaborazione della tonalità blu collegando poi il titolo dell’opera alla sensazione che ho provato io osservando la foto, ovvero a una entità che si è manifestata inaspettatamente in qualche modo  imprevedibile. Il messaggio che voglio trasmettere all’osservatore è che a volte le persone manifestano le proprie sensazioni o i propri sentimenti in un modo non immediatamente comprensibile; ma dopo una più attenta riflessione ed osservazione, il messaggio diventa chiaro, leggibile e cosi si evita il fraintendimento con le sue conseguenze spesso negative. 

Al momento di dare espressione alla tua arte, qual è il tuo atteggiamento? Parti già da un’idea ben precisa o ti lasci guidare dall’istinto?

Entrambe le cose: quando voglio rappresentare un concetto che penso e di cui sono convinto, realizzo appositamente un’immagine e ci lavoro sopra; altre volte è l’immagine esistente che mi evoca un concetto o mi da un input (io più semplicemente dico “che mi chiama”); questa devo dire che è la parte del lavoro che preferisco perché più divertente, sempre inaspettata e imprevedibile.

Che cosa hai in mente per il futuro? Quali altre manifestazioni artistiche dovremo aspettarci da te?

In futuro continuerò la sperimentazione utilizzando le tecnologie che abbiamo ora a disposizione, che potenzialmente consentono grandi possibilità espressive. Nel corso degli anni mi piacerebbe partecipare a tante mostre in giro per il mondo per fare conoscere i miei lavori.  

Ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso e invitiamo tutti i lettori a visionare l’opera dal vivo dal 19 al 27 Maggio presso 809Art Gallery, Via Bergamo 1 Milano.

Per conoscere meglio le opere di Alessandro Lonzardi visitare pure il sito web:

http://alessandrolonzardi.it/

Salva

Salva