Home Artisti UNA VOCE PER LE DONNE: a Milano presso la 809 art gallery...

UNA VOCE PER LE DONNE: a Milano presso la 809 art gallery la pittrice Antonella Torquati

87

Nell’ambito della collettiva Una voce per le donne tra Arte e poesia tenutasi presso la 809 art gallery di Milano dal 10 al 18 novembre 2017, siamo lieti di conoscere Antonella Torquati che in tale occasione ha presentato un’opera digitale, scelta come immagine di locandina per questa esposizione

Antonella, benvenuta in questo spazio dedicato agli artisti emergenti… Permettici di conoscerti meglio… quando hai scoperto la tua passione?

Forse è lei che ha scoperto me: a quanto ricordi, ho sempre avuto la passione per l’arte, in particolare disegno e pittura. Non  l’ho mai coltivata ufficialmente e non ho svolto studi artistici, ma l’ho sempre praticata per mio diletto. Nel tempo ho scoperto varie tecniche: dal disegno all’acquerello, dall’acrilico all’olio, passando per la ceramica. Da pochissimo, un anno circa, ho incontrato l’arte digitale, che mi consente di svolgere il mio lavoro anche in spazi ristretti. Utilizzo un portatile e una tavoletta grafica con cui dipingo i miei soggetti così come si fa con tela e pennelli, partendo però da uno schermo bianco invece che da una tela bianca: il mio pennello è lo stilo della mia tavoletta. Le opere vengono poi stampate su pannelli, così sono pronte da appendere o incorniciare, se lo si desidera.

In questa collettiva hai presentato un’opera realizzata con la tecnica digitale, un’immagine attraverso la quale esprimi un messaggio di forza alle donne! Raccontaci  com’è nata e ciò che vorresti trasmettere? 

Librazione nasce dalla volontà di rappresentare leggerezza e forza allo stesso tempo. Quale immagine migliore di un corpo che pare sospeso in aria e si sorregge con apparente facilità a un drappo? Ciò che sembra semplice in realtà nasconde un lavoro instancabile che regala a quel corpo la capacità di librarsi come una piuma. Il messaggio che voglio inviare è che bisogna lottare con tenacia e pazienza per ottenere il risultato desiderato, così come spesso la serenità e la pace richiedono un lungo lavoro di costruzione, mattone a mattone e, se necessario, una lotta – intesa sia in senso fisico che psicologico – che ci porti a liberarci e librarci, finalmente!

L’esposizione “Una voce per le donne tra Arte e poesia” è stata un occasione per celebrare la donna ed evidenziare al tempo stesso il suo disagio e dolore, con particolare riferimento al drammatico problema delle violenza sulle donne.. le donne vittime di violenza sono moltissime e molte altre vivono situazioni di disagio, subendo violenze psicologiche, a volte anche più pesanti di quelle fisiche… attraverso questa mostra abbiamo voluto sensibilizzare la collettività su queste tematiche… ti senti di lanciare un messaggio a riguardo?

Certamente! Oltre a quanto ho detto prima, vorrei aggiungere una considerazione: è sempre difficile reagire, le vittime di violenza sono spesso incapaci persino di realizzare la propria situazione e i carnefici vengono visti come compagni premurosi. Le vittime si sentono legate in modo indissolubile, convinte di non poter fare a meno di chi fa loro del male. Il primo passo, dunque, è una presa di coscienza, per quanto dura e dolorosa. Nel momento in cui si riesce a riconoscere con lucidità cosa si sta subendo, si compie il primo importante atto verso l’affrancamento. Poi bisogna trovare il coraggio di chiedere aiuto e, a questo riguardo, il mio messaggio è rivolto a chi dovrebbe tutelare le donne in difficoltà: tante volte, troppe, si giunge tardi. Bisogna ascoltare e proteggere chi grida aiuto!

Antonella Torquati – Librazione

Prossimi progetti o mostre in programma?

La prossima esposizione sarà a Civitavecchia, per il periodo natalizio (23 dicembre – 7 gennaio) presso la galleria Flyer Art – Port of Rome: saranno in mostra due mie opere, tra cui proprio Librazione. Il prossimo anno, poi, volerò in America: parteciperò con la stessa galleria al World Wide Art Show a New York… non vedo l’ora!

Grazie per il tempo che ci hai concesso. Invitiamo i nostri lettori a seguire Antonella Torquati sul sito www.at65.it