Home Artisti I LOVE ITALY – ROMA presenta l’artista Martina Sacheli, tra i protagonisti...

I LOVE ITALY – ROMA presenta l’artista Martina Sacheli, tra i protagonisti presso Spazio40, nel cuore di Trastevere, della collettiva che promuove i talenti italiani!

105

Nell’ambito della collettiva I LOVE ITALY che sarà inaugurata presso la galleria Spazio40 sabato 28 aprile, siamo lieti di conoscere Martina Sacheli che in tale esposizione presenterà due opere su tela.  

Martina, benvenuta in questo spazio dedicato agli artisti emergenti! Raccontaci il tuo incontro con la pittura e cosa rappresenta per te?

 Il mio incontro con il disegno e l’arte è avvenuto molto presto, si può dire che “disegno” e “colore” facciano parte della mia vita da che ne ho memoria. Al liceo artistico, ho avuto modo di conoscere la tecnica della pittura ad olio, che è senz’altro la tecnica pittorica che più mi contraddistingue: materica, pastosa, ricca e capace di creare sfumature delicate o forti contrasti…un po’ come vedo me stessa! Da attrice e ballerina, il corpo umano mi ha sempre incuriosita per la sua forte capacità comunicativa (a volte più delle parole) e per questo ho unito “corpo” a “olio su tela” dando vita alla serie di lavori e studi che chiamo “nudi prospettici”: come un punto di vista insolito, una prospettiva a volte quasi deformante, possa dare al corpo la possibilità di raccontare una storia diversa di se stesso. Per me la pittura rappresenta libertà: di pensiero, di esplorazione, di sperimentare; senz’altro rappresenta il mio modo di mettermi a nudo, una parte di “Martina”. 

Martina Sacheli

Possiamo dire dunque che sei un’artista estremamente eclettica… Non solo la pittura come strumento attraverso il quale esprimere te stessa, ma anche la recitazione. Quanto pensi abbia influito il tuo essere attrice nella tua ricerca artistica?  

Sicuramente il mio essere attrice ha influenzato tanto la mia pittura e la mia arte in generale. Il mio insegnante di recitazione, per approfondire lo studio del personaggio, ci faceva fare dei “collage materici” nei quali dovevamo mettere su carta l’identità di quel ruolo… E’ stata un’esperienza importantissima! Da qui ho scoperto un mondo nuovo, che mi ha permesso di unire diverse tecniche (pittura, collage ecc) ed esplorare la mia arte in modo diverso, alternativo, sorprendente ed estremamente creativo ed efficace. Grazie a quest’esperienza ho dato vita a un’altra serie di lavori chiamata “Bozzetti”, nella quale ho approfondito non solo lo studio dei personaggi, ma anche di diversi autori teatrali.  

In qualità di pittrice hai già partecipato ad alcuni eventi, sia in personali che collettive. In tal senso come vedi il mondo dell’arte oggi e cosa consiglieresti a chi come te possiede un talento artistico?  

Il mondo dell’arte oggi è sicuramente saturo e una realtà nella quale emergere è un’impresa ardua; per questo credo che il miglior consiglio che possa dare sia quello di continuare a provare ed impegnarsi per ciò in cui si crede…ho fatto qualche esposizione, collettiva e personale, ma anche io sono agli inizi e ho ancora molta strada da fare. Sicuramente se una persona è eclettica e possiede diversi tipi di talenti artistici, un consiglio importante è quello di trovare il modo di unire le proprie passioni per uscire un po’ dagli schemi e creare opere insolite, che incuriosiscano prima di tutto sé stessi…se si crede in qualcosa, poi ci crederanno anche gli altri! 

L’esposizione I love Italy vuol celebrare il nostro Paese e la creatività degli italiani, lanciando un messaggio positivo in un’epoca fortemente complessa, affinché questo paese possa ripartire proprio dall’arte, che continua a sopravvivere nonostante le avversità. Proprio per queste ragioni abbiamo voluto concepirlo come un progetto mostra itinerante, cercando così di sensibilizzare un numero sempre maggiore di individui. Qual è il tuo pensiero e cosa pensi di poter fare nel tuo piccolo, attraverso la tua arte?

Ho preso parte all’esposizione con grande gioia perché l’idea di celebrare l’Italia attraverso l’arte, trovo che sia uno dei modi più giusti per rappresentare il nostro paese, ricco da sempre di meraviglie artistiche, spesso purtroppo poco sfruttate. Credo che il mio lavoro possa aiutare a guardare qualcosa come un corpo umano, all’apparenza banale e scontato, con una prospettiva diversa…chi l’ha detto che un piede o un gomito non abbiano forza comunicativa?  

Martina Sacheli – Risveglio

Sogni nel cassetto? Quali saranno i prossimi obiettivi ? 

Sicuramente il mio obiettivo più grande è quello di riuscire a mantenermi con la mia sola arte (pittorica e di scena). Per ora continuo a lavorare, a credere nel mio lavoro, a cercare nuovi stimoli e migliorare gli studi che ho iniziato…e puntare sempre in alto!

Grazie per il tempo che ci hai concesso.. Invitiamo i nostri lettori a scoprire questa giovane artista, davvero molto promettente, presso la Galleria Spazio40 a Roma. Vi aspettiamo!