Home Mostre I Love Italy – Firenze presenta la pittrice Antonia Podagrosi

I Love Italy – Firenze presenta la pittrice Antonia Podagrosi

66

Nell’ambito della collettiva I LOVE ITALY che sarà inaugurata sabato 29 Settembre presso l’Auditorium Al Duomo di Firenze, siamo lieti di presentare Antonia Podagrosi tra i protagonisti di questa collettiva che promuove i talenti italiani!

Antonia. benvenuta in questo importante progetto dedicato agli artisti italiani.. Parlaci un po’ di te.. come ti sei avvicinata all’arte e quando hai scoperto l’artista che già era in te?

In realtà non ho “scoperto”, ma “riscoperto” la passione per l’arte: sin da piccola sono stata ammiratrice della manualità e della passione per il lavoro di mio nonno, ebanista, ed ho portato questi interessi nei miei studi, al liceo artistico prima e all’Accademia poi. Ho dovuto interrompere la mia attività pittorica per impegni del sopraggiunto lavoro, ma appena arrivata alla pensione è riemersa la passione mai sopita.

Antonia Podagrosi – Genesi 2

Come nascono le tue creazioni? Parti da un progetto ben studiato oppure tutto nasce in modo spontaneo e assolutamente istintivo?

Fondamentalmente sono un’istintiva: si tratta di seguire i moti dell’animo e lasciarli fluire liberamente. Tendo a lasciar emergere dai miei pensieri l’idea essenziale, i ricordi o le impressioni, che poi si sviluppano da soli sulla tela…

L’esposizione I love Italy vuol celebrare il nostro Paese e la creatività in generale, lanciando un messaggio positivo in un’epoca fortemente complessa, affinché questo paese possa ripartire proprio dall’arte, che continua a sopravvivere nonostante le avversità. Proprio per queste ragioni abbiamo voluto concepirlo come un progetto mostra itinerante, cercando così di sensibilizzare un numero sempre maggiore di individui. Qual è il tuo pensiero e cosa pensi di poter fare nel tuo piccolo, attraverso la tua arte?

L’arte è essenzialmente espressione di sè: sarebbe bello mostrare a tutti, come un libro aperto, quello che l’artista è, in quanto essere umano, nella sua interiorità, senza “nascondersi” e tradirsi dietro il mercato, i falsi ideologismi e quant’altro. Essere se stessi senza altri fini che comunicare col mondo e condividere il proprio sentire… Inoltre interpreto l’arte come colore e manualità viva, mentre alcuni strumenti tecnologici sembrano rendere la produzione artistica fredda e senza sentimento, mera riproduzione e copia. 

Prossimi progetti in programma o che ti piacerebbe realizzare?

I progetti in cantiere sono tanti, ma il tempo per realizzarli sembra sempre poco! Nella mia provincia si sta pian piano formando un nucleo di artiste locali, di varia provenienza ed orientamento, che stanno costruendo via via un interessante centro di confronto tra esperienze e generazioni diverse: credo sia la giusta strada da seguire per promuovere l’arte, coinvolgere altri e condividere il proprio sentire…

Grazie per il tempo che ci hai concesso. Invitiamo i nostri lettori a scoprire questa talentuosa pittrice presso l’Auditorium Al Duomo di Firenze dal 29 settembre al 7 Ottobre!