Home Arte vista da... Raffaella A. Caruso Le Mec du Mec Art: solo show di Gianni Bertini da Eidos...

Le Mec du Mec Art: solo show di Gianni Bertini da Eidos per Arte Fiera

un suggestivo e inedito allestimento di Eidos Immagini Contemporanee per l'edizione 2017 di Bologna Arte Fiera contrappunta per anni e per temi la produzione di Gianni Bertini dagli anni 40 al nuovo Millennio

485

È pronta a ripartire Arte Fiera, il salone dell’arte moderna e contemporanea più longevo e con maggiore fatturato in Italia, in programma a Bologna dal 27 al 30 gennaio (www.artefiera.it ). Edizione numero 41, la prima affidata alla direzione artistica di Angela Vettese, storica dell’arte ed accademica. Grande attesa dunque per la nuova Direzione (senza dimenticare le edizioni magistralmente condotte da Claudio Spadoni e Giorgio Verzotti ) per quella che si preannuncia una grande prima volta. Preceduta da un’operazione di maquillage nella comunicazione,  punta però a catturare collezionisti e addetti al settore con l’attenzione curatoriale ai progetti proposti. “Un numero minore di partecipanti rispetto al passato”, osserva Angela Vettese, “nonostante l’aumento delle domande di ammissione”. Sono 133 le gallerie iscritte alle due sezioni principali, Main Section e Solo Show, a cui si aggiungono alcuni espositori per la Fotografia e alcune nuove proposte nella sezione Nueva Vista. Questa attenzione curatoriale dunque sarà particolarmente evidente nei progetti Solo Show, monografiche che si preannunciato come gemme di riflessione sull’attività di alcuni protagonisti della scena artistica internazionale.  Voglio per tutti soffermarmi su Gianni Bertini, presentato da Eidos Immagini Contemporanee (padiglione 26 Stand A 88) con una vera e propria antologica in collaborazione con l’Associazione Gianni Bertini (www.associazionegiannibertini.com) che contrappunta i momenti salienti della produzione dell’Artista in un allestimento inedito e davvero site specific. I visitatori di Arte Fiera saranno accolti nello stand da uno scritto-manifesto autografo su legno (Gentile visitatore…) con cui Gianni Bertini invita ad entrare nel mondo della pittura liberandosi da ogni preconcetto, pronti a sovvertire le regole per comprendere nuove possibilità narrative. In parallelo la proiezione di video assolutamente inediti, proprietà di Thierry Bertini –presidente dell’Associazione- e in comodato d’uso al Centre Pompidou,  che non mancheranno di catturare lo spettatore per ironia ed energia. È forse questa una delle parole chiave del lavoro di Gianni Bertini, comune denominatore per i lavori in mostra che pur appartengono a periodi ben distinti. Si parte dai capolavori degli anni 40 presentati su una tappezzeria di locandine d’epoca, di per se stesse materiale di enorme valore documentario. I Gridi, MAC, Nucleare, Informale tutta la storia dei movimenti italiani ed europei del dopoguerra sino all’intuizione e alla rivelazione della Mec Art. Dopo l’esordio figurativo nel 1946 e i Gridi del ’48-’49, con cui anticipa di vent’anni il lavoro di Robert Indiana, pitture astratte attraversate da numeri e cifre, tra la denuncia e il dada, Bertini aderisce nel 1950 al MAC, partecipando alla biennale di Venezia dello stesso anno. Cogliendo però poi subito il rischio di un’involuzione del linguaggio concretista, realizza già nel 1951 pitture con sgocciolatura che sono tra le prime manifestazioni di pittura informale e nucleare realizzata in Italia. Sul finire del 1951 si trasferisce a Parigi dove nel maggio 1952 ha luogo la sua prima mostra personale parigina alla Galerie Arnaud. A Parigi conosce Atlan, Hartung, Soulages, Poliakoff, Schneider, De Stäel e inaugura con la partecipazione al Salon de Mai, cui sarà sempre successivamente invitato, la sua vita parigina. Tra il ’54 e il ’59 produce opere gestuali, dalle quali affiora prepotente il mondo della macchina: con queste partecipa alla Biennale del ’58. Nel ’54 incontra Pierre Restany, compagno del cammino verso Nouveau Réalism e Mec-Art,  e così nel 1960 stufo di un informale che ha inevitabilmente perso la propria vis, introduce nel suo campo visivo la realtà, preparando la tela con immagini tratte dai giornali (in mostra un rarissimo esempio del ’62 con Minos au travail) . Da questo momento le sue opere, a latere di quelle dei neo-dadaisti statunitensi e dei Nouveaux Réalistes francesi, pongono le basi per lo sviluppo della stagione d’oro della Pop Art italiana. Scoperto il concetto classico della contaminazione, Bertini decide di ampliare le già notevoli possibilità combinatorie del proprio linguaggio trasferendo sulla tela mediante emulsione l’immagine fotografica, meccanica. Così all’aspetto per così dire epico del suo lavoro, sottolineato dall’uso ironico dei titoli, si sovrappongono lucide e feroci critiche al contemporaneo con quella molteplicità di piani narrativi che il pop statunitense non ebbe. Qui ne sono chiaro esempio per tutti  il celeberrimo Succede qualche cosa. Bertini conduce sino alla fine questa forte linea narrativa, anticipando la piega sociale e politica che il pop italiano prende dal 1966, assecondandola con un apparente classicismo antropologico dal 1976 con la serie dell’Abbaco e un sorprendente ritorno alla pittura “classica”, spiazzante e pronta ad addolcire temi di una crudezza assoluta. È per alcuni versi così anche nelle tele anni 90 di Per non dimenticare, sulla Guerra del Golfo: in un’attualità ancora oggi assolutamente disarmante il rombo futurista e scanzonato dell’automobile è sostituito da quello sinistro di aerei, carrarmati ed elicotteri.  Nello stesso decennio e con l’avvento del Millennio nuovo, Bertini sempre attento al nuovo, che sempre anticipa se non addirittura inventa, capisce che la riproduzione meccanica e fissa può e deve essere sostituita dall’elaborazione digitale, più veloce e “morbida” , in grado paradossalmente di  riprodurre le trasparenze e l’imprevedibilità del pennello. Ma soprattutto lo schermo del computer gli permette di assecondare quei continui affastellamenti del pensiero con cui riesce in progressione ad arricchire la composizione, in un furor creativo che possiede ancora  tutta l’energia beffarda della giovinezza. Ecco che Bertini riprende via via tutte le tessere del suo puzzle: donne, motori, ingranaggi, dee e semidei, eroi, vizi e virtù, pronto a suggerire al visitatore di raccogliere la tessera caduta. Sì qui, proprio qui a terra, mentre lui guardava il cielo.